Aspettando Terra Madre 2024

Terra Madre Salone del Gusto è un evento di Slow Food, Città di Torino e Regione Piemonte e ti aspetta a Parco Dora, Torino, da giovedì 26 a lunedì 30 settembre. Scopri come grazie al cibo possiamo riscoprirci parte della natura. #TerraMadre2024

Tutto il bello di Terra Madre

Terra Madre torna a Parco Dora, simbolo potente di rigenerazione della città nella prima periferia nord di Torino. È impossibile non innamorarsi di questo luogo, anche per via della storia che racconta, del suo messaggio che invita a ritrovare il proprio posto nella natura, a dare alla natura la possibilità di tornare a esprimersi. Guarda le foto più belle dell'edizione 2022 che abbiamo selezionato per te.

Sei un’azienda? Iscriviti a Terra Madre 2024

Sei un’azienda e ritieni che i tuoi prodotti siano in linea con la nostra filosofia e i nostri criteri di selezione? Non aspettare ed entra a far parte del nostro Mercato! Scrivi a espositori@slowfood.it, manda la tua presentazione aziendale e descrivi prodotti che sei interessato a portare. I nostri uffici ti contatteranno per valutare la tua candidatura.

Vuoi conoscere tutte le novità?

Social Wall

🍇Slow Wine Fair 2024 chiude con 12 mila ingressi, il 70% dei quali operatori del settore che hanno potuto conoscere e degustare una selezione unica nel panorama fieristico legato al mondo del vino.

🍷Noi siamo felicissime e felicissimi, perché di questa bella crescita siamo ...testimoni fin dalla prima edizione, tre anni fa, e perché le storie di vigna che abbiamo approfondito in questi tre anni sono una più bella dell'altra. Grazie alle vignaiole e ai vignaioli che ogni giorno affermano un nuovo modo di produrre, ma anche grazie a voi (e a noi) che quel modo di produrre lo sosteniamo con le nostre scelte quotidiane.

Leggi qui il cs di chiusura 👉 bit.ly/48rSXqd

Evviva il vino buono, pulito e giusto. Evviva #SlowWineFair2024 Slow Food Events

«Il suolo – puntualizzano i microbiologi Lydia e Claude Bourguignon – è il primo strumento del viticoltore, che deve innanzitutto capirne la vocazionalità e non farsi guidare dal marketing quando sceglie le varietà da coltivare. Bisogna ascoltare il suolo, rispettarne le leggi, ...l’equilibrio, l’impressionante ricchezza biologica, la capacità di rigenerarsi. Un solo grammo di suolo vivo contiene miliardi di batteri, funghi, microbi. È la più grande energia che a livello chimico si possa trovare nel pianeta».

Ieri sera vi abbiamo congedati con l'affermazione di Lydia e Claude Bourguignon, che vedono il vino, un grande vino, come un concerto, dove il terroir è la partitura, la vigna e i vitigni sono lo strumento, il vignaiolo è l’interprete.

La riprendiamo oggi per lanciare, dalla Slow Wine Fair, il nostro messaggio di amore per il suolo, e per un'agricoltura che lavori con e non contro la natura. Molte vignaiole e vignaioli lo stanno già facendo. Lavoriamo affinché siano sempre più numerosi coloro che adottano queste pratiche, mostrando come sostenibilità ambientale, economica e sociale siano compatibili.

Leggi il comunicato stampa completo 👉 bit.ly/3UWxDGe

#SlowWineFair2024 Slow Food Events

«Un buon vino è come un concerto: il terroir è la partitura, il materiale vegetale è lo strumento, il vignaiolo è l’interprete. Tutti e tre sono assolutamente necessari alla realizzazione di un grande vino».

Buon pomeriggio (o sera?)!

Chiudiamo la seconda giornata di Slow... Wine Fair con le parole di Lydia e Claude Bourguignon che hanno dato ispirazione e consulenze preziose a tante vignaiole e vignaioli, e così continuano a fare.

Ed è così che con i tanti vignaioli che abbiamo incontrato abbiamo parlato di: suolo, lombrichi, micorrize, passione, acquerelli, mercato, degustazioni, fatica, sfumature, vitigni autoctoni, inerbimento, conoscenza, condivisione, tutela, futuro…

La partitura di Slow Wine Fair è come un concerto di Bac(cho). Siete invitati ad ascoltarla. C’è tempo fino a domani!

Ciao! Ci vediamo domani.

Ph. @michelepurin

Guarda le prime immagini 👉 https://media.slowfood.it/Slow-Wine-Fair-2024 #slowwinefair2024

💜Slow Wine Fair 2024: osti e ostesse premiati come ambasciatori dell’educazione alla cultura del bere buono, pulito e giusto.

🍇Consegnati a BolognaFiere i 36 riconoscimenti del Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow, la seconda edizione in collaborazione con Milano Wine Week. ...Premiati locali in Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Toscana, Sicilia e Veneto. Premiati anche due locali a New York e uno a Barcellona.

🍷«Questo premio consente di mettere in luce il principio alla base della Slow Wine Coalition, la rete internazionale che unisce tutti gli attori che fanno parte della filiera vitivinicola – ha dichiarato Giancarlo Gariglio, curatore della guida Slow Wine e coordinatore della Slow Wine Coalition in occasione della cerimonia del Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow che questa mattina nello Spazio Reale Mutua ha aperto la seconda giornata di Slow Wine Fair 2024, a BolognaFiere fino a domani martedì 27 febbraio –. Ristoratrici e ristoratori sono spesso dietro le quinte, ma rappresentano l’anello di congiunzione per eccellenza quando si parla di trasmettere i valori portati avanti in vigna dai produttori tramite le carte dei vini che vengono proposte. Essi sono un elemento di diffusione e di educazione verso un consumo consapevole».

Scopri la lista di tutti i locali premiati 👉 https://bit.ly/localipremiatiSWF24

#SlowWineFair2024 Slow Food Events

Benvenute e benvenuti a #SlowWineFair2024!

Da oggi a martedì 27 febbraio, a BolognaFiere la terza edizione dell’evento, che riunisce quasi 1.000 espositori di vino buono, pulito e giusto da tutta Italia e da 27 Paesi

Suolo ed educazione al centro dell’intervento di apertura ...di Barbara Nappini, presidente di Slow Food Italia.

«Tutti i giorni, in ogni angolo del pianeta, ci si confronta con la sensazione di fame, quindi con il cibo. Ci si confronta quotidianamente con l’agricoltura, spesso senza nemmeno rendersene conto. E con la terra, col suolo, con la vita che in esso risiede. Perché senza fertilità non c’è agricoltura e senza agricoltura non c’è cibo – sottolinea Nappini – . Il 95% del cibo globale è prodotto dal suolo, ma non solo: il terreno costituisce il più grande serbatoio naturale di carbonio del pianeta. Stanno venendo al pettine i nodi prodotti da decenni di miopia, in cui l’agricoltura è stata depauperata in ogni modo, la classe politica non si è curata del valore e della qualità del cibo, e del modo in cui veniva prodotto, e non ci si è occupati delle condizioni di vita e di lavoro di chi coltiva, soprattutto nelle aree interne, che sono comunque il 70% dei territori italiani. Ricostruire un corretto rapporto con il sistema alimentare e col cibo passa dalla conoscenza: per questo riteniamo quanto mai urgente l’introduzione dell’educazione alimentare nelle scuole come materia curriculare; un’educazione alimentare che affronti il sistema del cibo sotto il profilo della salute umana e ambientale, ma anche rispetto alla produzione, dal punto di vista etico e identitario».

Leggi il comunicato stampa di apertura 👉 https://bit.ly/4bQOY9p
Guarda le prime immagini 👉 https://media.slowfood.it/Slow-Wine-Fair-2024

Slow Food Events

La scorsa settimana abbiamo visto al mercato le Pink Lady che si tirano fuori dai magazzini a San Valentino. Rosa tendenti al rosso, lucidissime, perfette come la mela di Biancaneve. Ci sarà forse da diffidare?

Un articolo di Nature del 12 febbraio analizza i residui dei pesticidi usati ...in Val Venosta per la coltivazione massiccia delle mele, tra le più note e diffuse d’Italia e d’Europa.

Ebbene, le contaminazioni sono risultate massicce (del resto, si arriva fino a 40 trattamenti all’anno): nei meleti la concentrazione è altissima, con 23 pesticidi dei 27 esistenti in commercio presenti nel suolo e 18 nella vegetazione.

E la contaminazione si estende, con livelli più bassi, anche laddove non si coltivano mele. Addirittura nei laghi, nelle valli vicine e in quota oltre i 2000 metri.

Siamo proprio sicuri che non ci sia una via alternativa? Noi abbiamo in mente qualche esempio come quello dei Presìdi Slow Food.

Leggi di più qui 👉 https://bit.ly/melepesticidi

La viticoltura in Italia e nel mondo è messa a dura prova dalla crisi climatica e i vignaioli affrontano un futuro (che è già presente) sempre più incerto.

In questo contesto, ha senso oggi parlare di vigna sostenibile? È sempre possibile immaginare una filiera vitivinicola senza ...ricorso ai pesticidi?

I dati restituiscono un quadro di speranza. Un modello diverso c’è e la vitivinicoltura sostenibile, legata a principi di agroecologia, ne è la prova tangibile.

Se vogliamo davvero contribuire a invertire il disastro climatico, è su quel modello che dobbiamo fondare la visione del futuro, sostenendo i vignaioli che si affidano con consapevolezza alla natura rinunciando a pesticidi ed erbicidi, rispettando il suolo e dando valore alla biodiversità.

È questo il sistema che permette all’agroecologia di aiutare chi lavora in vigna. Farlo senza chimica di sintesi è un modo per credere nel futuro perché è l’unico modo di investire nel futuro.

Leggi l'articolo completo qui👉 https://bit.ly/vinoepesticidi

🍇Scopri questo modello di viticoltura rispettosa a Slow Wine Fair, a Bologna dal 25 al 27 febbraio. Incontra i viticoltori virtuosi e partecipa a Masterclass e conferenze per imparare che una viticoltura sostenibile, libera da pesticidi, è possibile.
Scopri di più su 👉 https://slowinefair.slowfood.it/

Organizzata da BolognaFiere e Sana da un'idea di Slow Food, Slow Wine Fair è la manifestazione internazionale dedicata al vino buono, pulito e giusto. #SlowWineFair2024

🍇 «Attraverso i nostri vini noi vogliamo raccontare l’identità del territorio. Ma è un concetto su cui è ancora necessario lavorare. Al momento l’identità territoriale è ancora quella raccontata dai grandi gruppi, dalle uve vendute a prezzi irrisori. Noi cerchiamo di affermare una ...narrativa diversa. Che è sì poesia, ma anche tanta concretezza: vogliamo che il vignaiolo sia ripagato adeguatamente per il lavoro che fa, mostrando il valore dei suoi vini, che poi è anche il valore della sua terra».

🍷Buonasera!

Abbiamo percorso l'Italia in lungo e in largo, per raccontarvi le storie dei produttori di vino di Slow Wine Fair. Sono anche, innanzitutto, storie di bellissima agricoltura. Oggi siamo a Oriolo dei Fichi, Faenza, per scoprire la storia di Ancarani.

Un’azienda che ci piace moltissimo, anche per la sua dedizione al concetto di vino buono, pulito, giusto e quotidiano. «A casa nostra, il vino sta in tavola tutti i giorni, proprio come l’olio e come il pane. È anch’esso un alimento quotidiano. Noi non produciamo vini blasonati, ma vini che rispecchiano il nostro territorio, ottenuti da vitigni meno celebri, forse, ma che sono la piena espressione di questa terra».

👉E insomma, per scoprire questa bellissima storia, dovete andare qui: bit.ly/3I7u5Jp

💜l 25 febbraio alle 14:15 vi aspettiamo in Casa Slow Food per un importante appuntamento in cui Rita Babini, segretario nazionale FIVI interviene insieme a Giancarlo Gariglio, curatore di Slow Wine. Ci uniamo all’invito della FIVI a firmare la petizione Vignaiolo custode del territorio e dell’ambiente! 👉 bit.ly/3Iaibyy

Organizzata da BolognaFiere e Sana da un'idea di Slow Food, Slow Wine Fair è la manifestazione internazionale dedicata al vino buono, pulito e giusto. #SlowWineFair2024

Vignaioli Indipendenti Fivi Slow Food Events

C'è urgenza di affrontare il tema degli allevamenti industriali e intensivi attraverso una dialettica propositiva con l’opinione pubblica e un dialogo aperto e onesto con le realtà produttive.

➡️L’allevamento industriale produce inquinamento: in questi giorni sta rivelando ...tutta la propria insostenibilità, come testimoniato dai dati sulla qualità dell’aria in pianura Padana.

➡️L’allevamento industriale è causa anche di antibiotico resistenza, per via dei farmaci somministrati ad animali che vivono le proprie esistenze rinchiusi in spazi angusti, che amplificano il rischio di sviluppo di zoonosi.

➡️E, soprattutto, l’allevamento industriale ha creato una netta separazione tra gli animali e l’ambiente, snaturando un rapporto non solo eticamente valido, perché maggiormente rispondente ai loro bisogni, ma anche efficace sotto il profilo agricolo.

Per questo Slow Food Italia accoglie con favore l’avvio di un percorso istituzionale sul tema del superamento dell’allevamento industriale e intensivo.
Leggi di più qui 👉https://bit.ly/benepropostaallevamento

Skip to content